Realize
  • 30 Novembre 2020
  • Ultimo aggiornamento 24 Agosto 2020 09:03
  • Milano

Csr: le nuove aspettative dei consumatori per le imprese

Nei mesi scorsi le parole chiave erano “solidarietà”, “vicinanza”, “collaborazione”. Per il futuro torneranno ad essere centrali “innovazione”, “trasparenza” e “condivisione

Csr: le nuove aspettative dei consumatori per le imprese

C’è un prima e un dopo lockdown da Covid-19 nella storia della Corporate social responsibility delle imprese. Non tanto nella continuità dello sviluppo delle proprie strategie, dato che le imprese responsabili hanno continuato a seguirle e, in alcuni casi, anche ad implementarle, bensì negli aspetti da curare.

Naturalmente, nei mesi dell’emergenza da Covid-19 l’aspetto più evidente è stato quello filantropico. Moltissime aziende e fondazioni di tutte le dimensioni hanno effettuato donazioni in denaro, beni o servizi, a ospedali, protezione civile, associazioni non profit. Secondo gli ultimi dati di italianonprofit.it sono stati oltre 760 i milioni donati.

Altre hanno preferito mettere in campo iniziative dirette a favore della comunità e delle persone più fragili. Un esempio per tutti è quello di #MilanoAiuta, campagna lanciata dalla Fondazione di Comunità Milano Onlus che ha aiutato oltre 44.000 persone offrendo servizi di prossimità e assistenza domiciliare a favore di anziani soli, disabili e famiglie fragili.

Ecco dunque che nei mesi scorsi le parole chiave da seguire sono state:

  • solidarietà;
  • vicinanza;
  • collaborazione.

Ma per il futuro, passata la tempesta, credo che torneranno ad essere centrali parole come:

  • innovazione;
  • trasparenza;
  • condivisione.

IL BISOGNO DELLA RESILIENZA TRASFORMATIVA

Come sappiamo infatti la pandemia è stata una sfida senza precedenti a cui nessuno era preparato. In un momento di grande difficoltà è apparsa ancora più evidente l’importanza di collaborare con gli stakeholder, uno dei punti cardine di ogni politica di CSR.

Si è iniziato anche a parlare di come migliorare la capacità di resilienza e farla diventare trasformativa. La resilienza trasformativa implica l’adozione di uno sguardo aperto, di una visione olistica, della convinzione che trasformare in meglio la società debba essere un obiettivo condiviso.

È necessario pensare al futuro in modo differente: quando è trasformativa la resilienza porta con sé flessibilità, innovazione, creatività.
Diventa, in sintesi, un’opportunità.

IL CAMBIAMENTO

Credit: Gettyimages

Di certo ci sono oggi due livelli di aspettative da parte dei consumatori. Un primo livello riguarda il settore pubblico, un secondo livello quello privato.

È chiaro che rispetto al tema della salute le aspettative sono più forti nei confronti del primo. In generale alla Pubblica Amministrazione si chiede di essere più efficiente, più trasparente, di promuovere la ricerca, di investire nell’innovazione. E questo non è mutato durante il periodo del Covid. Anzi, semmai si è rafforzato.

Alle aziende, invece, oggi il consumatore chiede di assumere un ruolo diverso e di cambiare il modo stesso di “fare impresa”. Oltre che di comunicare il proprio impegno: un esempio sono le tante campagne realizzate nel periodo dell’emergenza sanitaria dove molti brand hanno scelto di comunicare le azioni a favore di dipendenti, territorio, comunità e non il prodotto o il servizio.

Gli spot hanno adottato un mood diverso che si avvicina a quello della comunicazione sociale: in ogni messaggio si parla infatti di valori, di impegno, di condivisione. E molto meno di prodotto.

IL RECUPERO DELLA RELAZIONE

Credit: GettyImages

E l’esigenza continuerà ad essere questa. Sanità, lavoro e ambiente continueranno ad essere ancora a lungo le tre priorità da mettere al centro della comunicazione dei brand affinché possano raggiungere davvero le esigenze del consumatore finale.

Certamente dovrà cambiare l’approccio alla comunicazione: oggi deve essere relazione, più che in passato, ed è fondamentale l’ascolto e il dialogo con gli stakeholder. Quindi l’impresa deve essere aperta e “dialogante” se vuole veder crescere la qualità delle relazioni con i pubblici interni ed esterni e quindi il proprio capitale relazionale.

L’ambiente, in particolare il cambiamento climatico, continuerà ad essere prioritario anche perché si è capito che la salute delle persone è strettamente collegata alla tutela dell’ambiente. È per questo che, al contrario di quanto affermato da alcuni, la crisi sanitaria ed economica non porterà a un rallentamento nel percorso verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, il piano dell’Onu che entro il 2030 si è posto 17 obiettivi di sostenibilità con 167 target diversi.

La salute del nostro pianeta ha acquisito ancora più di significato dopo questo periodo di epidemia. E l’attenzione nei suoi confronti anche da parte del mondo delle imprese non potrà venir meno.

Rossella Sobrero
contributor
Si occupa di comunicazione da molti anni affiancando alla consulenza l’attività di docenza e di saggistica. Nel 2002 fonda con Giacomo Ghidelli Koinètica, prima realtà in Italia dedicata alla responsabilità sociale d’impresa. Dal 2005 organizza manifestazioni di rilievo nazionale: tra le altre, Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale, il più importante evento in Italia dedicato alla sostenibilità. Nel 2014 dà vita al blog CSR e Dintorni dove ad oggi ha pubblicato oltre 800 articoli. Nel 2015 crea la rete CSRnatives, un network di studenti universitari e neolaureati appassionati di sostenibilità che oggi conta oltre 280 membri. Nel 2019 dà vita con Koinètica a 2031, una community di persone che credono nella sostenibilità, una piattaforma per ascoltare e informarsi ma anche per farsi sentire, uno spazio per condividere articoli, interventi, filmati, notizie, approfondimenti. Per andare oltre gli obiettivi dell’Agenda 2030. Rossella è docente di Comunicazione sociale e istituzionale all’Università degli Studi di Milano e di Marketing non convenzionale all’Università Cattolica di Milano ed è autrice di numerosi libri. Tra i più recenti: Sostenibilità Competitività Comunicazione. 20 idee per il futuro (EGEA, Milano 2018); Comunicazione e sostenibilità. 20 tesi per il futuro (EGEA, Milano, 2016); La comunicazione sociale (Carocci, Roma, 2014, con F.R. Puggelli); Oltre la CSR (De Agostini Isedi, Roma, 2009, con L. Ferrari e S. Renna). Dal 2019 Rossella è Presidente di FERPI, Federazione Relazioni Pubbliche Italiana. Da alcuni anni è membro del CdA della Fondazione Pubblicità Progresso e del Consiglio Direttivo del CSR Manager Network.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *