realize agos logo 2020 color
  • 24 Maggio 2024
  • Ultimo aggiornamento 15 Maggio 2024 16:25
  • Milano

Inflazione e consumi: così cambia il largo consumo in Europa

Gfk mostra come in Europa il 93% dei consumatori abbia modificato i comportamenti di acquisto. Ma non rinuncia al benessere

Inflazione e consumi: così cambia il largo consumo in Europa

Più di nove consumatori su 10 in Europa hanno già modificato le abitudini di acquisto per risparmiare. Ma non solo: il 60% dichiara di prestare maggiore attenzione al prezzo rispetto al passato e il 54% cerca o aspetta delle promozioni speciali per finalizzare i propri acquisti.

I dati vengono da una recente Survey di Gfk. E in Italia?
Il 60% degli italiani sta scegliendo di mangiare più spesso a casa al posto di andare al ristorante e sta ponendo maggiore attenzione al risparmio energetico: utilizzare maggiormente gli elettrodomestici in modalità “ecologica” o addirittura utilizzarli meno per ridurre i consumi.

Ma c’è di più: ben il 45% degli italiani dichiara di fare più spesso acquisti in diversi negozi per trovare i prezzi migliori, mentre il 37% ha incrementato l’acquisto di prodotti private label rispetto al passato.

I PRODOTTI SOTTO LA LENTE

“Le prime tre categorie di prodotti per le quali i consumatori europei dichiarano di essere maggiormente preoccupati per l’aumento dei prezzi e di voler modificare i propri comportamenti di acquisto sono le bevande alcoliche (50%), i dolciumi (48%) e i cosmetici (42%)” si legge nella nota di Gfk. “Le strategie di compensazione cambiano a seconda della categoria di prodotto: ad esempio, molti consumatori pianificano di evitare del tutto le bevande alcoliche, mentre preferirebbero acquistare cosmetici o dolciumi con minore frequenza o a prezzi più bassi”.

I COSA CAMBIA E COSA NO

Come fanno notare i consulenti di Gfk la crisi economica in corso e soprattutto l’aumento dell’inflazione stanno influendo sui consumatori non solo a livello psicologico con una minor fiducia verso il futuro, ma anche nelle decisioni quotidiane di acquisto.

Non è in fatti un caso che a livello europeo tra tutte le categorie commerciali siano solo quelle dei Discount a registrare un incremento di consumatori attivo (+15%). In Germania, questa percentuale raggiunge il 21% e in Italia arriva fino al 23%.
Tuttavia, restano solide alcune abitudini ed esigenze di consumo che anche l’attuale situazione economica non sembra scalfire. Marco Pellizzoni, Commercial Director Consumer Panel & Services di GfK Italia spiega come, per l’Italia in particolare “si evidenziano segnali positivi per prodotti con ingredienti più salutari e naturali così come per prodotti ad impatto zero, cioè prodotti ecosostenibili con minore impatto ambientale”. Un’esigenza di benessere e sostenibilità che le aziende non devono ignorare e che resta stabile nonostante l’inflazione e l’incertezza.

administrator
Giornalista, digital addicted, lavora sui contenuti per dare qualità ai prodotti editoriali che segue. Perché oggi più che mai la qualità di ciò che si racconta fa la differenza

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *