realize agos logo 2020 color
  • 24 Maggio 2024
  • Ultimo aggiornamento 15 Maggio 2024 16:25
  • Milano

Mercato del biologico in Italia: la crescita e le prossime sfide

Secondo l’Osservatorio SANA 2023, aumenta il fatturato dei prodotti Bio in Italia e raggiunge i 5 miliardi di valore. L’italiano vuole Bio, e l’Italia lo accontenta ma il 60% vorrebbe poter disporre di un maggior numero di informazioni per poter capire e scegliere

Mercato del biologico in Italia: la crescita e le prossime sfide

Mens sana in corpore sano: così cresce il mercato del biologico in Italia. Questo è quello che si evince dalla quinta edizione dell’Osservatorio SANA, presentato in occasione dell’evento Rivoluzione Bio, organizzato da BolognaFiere in collaborazione con FederBio, AssoBio, Agenzia ICE e la segreteria organizzativa di Nomisma.

IL MERCATO DEL BIO IN ITALIA

Il mercato italiano dei prodotti Bio continua a crescere e nel 2022 ha raggiunto i 5 miliardi di valore, di cui 4 miliardi di consumi in Italia e 1 miliardo di export. Sono numeri che consolidano ancora l’incremento a tripla cifra del settore registrato nel corso dell’ultimo decennio quando le esportazioni hanno fatto registrare un esplosione del 181%, con la Germania e la Francia come mercati chiave.

Gli italiani acquistano bio nel 58% dei casi in negozi tradizionali (supermercati, dettaglio, ipermercati e tutti i punti vendita che rientrano nella cosiddetta “distribuzione moderna”) generando un giro d’affari di 2,3 miliardi di euro (+1,6% rispetto al 2021).

La crescita è dovuta anche al fatto che sempre più italiani scelgono bio almeno una volta: nel 2022, secondo l’Osservatorio SANA, lo hanno fatto quasi 9 famiglie su 10.
E nel 2023 la situazione migliora ancora. I consumi di prodotti bio detti “fuori casa” (ristorazione commerciale e collettiva) crescono del 18% rispetto all’anno precedente, mentre quelli domestici a luglio erano già aumentati del 7%.

In questo scenario l’Italia ha ingranato la marcia giusta: con oltre 2,3 milioni di ettari di coltivazioni biologiche (pari al 19% del totale, contro una media europea ferma al 12%), si avvicina all’obiettivo previsto dalla Farm to Fork Strategy, la direttiva europea recepita anche in Italia che fornisce incentivi agli agricoltori e agli allevatori che lavorano in maniera sostenibile con l’obiettivo di arrivare al 25% di superfici dedicate al biologico entro il 2030.

CHI ACQUISTA BIOLOGICO E DOVE

I dati dell’Osservatorio hanno evidenziato come il portafoglio di consumatori di prodotti bio sia rimasto costante e invariato rispetto al 2022.

L’89% della popolazione di età compresa tra i 18 e i 65 anni ha acquistato consapevolmente almeno un prodotto alimentare bio nell’ultimo anno preferendo latte, uova, creme spalmabili, cereali per la colazione e cibi per l’infanzia.

Chi lo ha fatto è stato spinto dalla salubrità dei prodotti ma anche dalla loro sostenibilità: il 25% degli intervistati li ritiene più rispettosi per l’ambiente.

L’INFLAZIONE E IL BIO

In questo scenario il consumatore utilizza la provenienza del prodotto come discriminante di scelta, con una preferenza verso prodotti 100% italiani, per quelli di origine locale/km0 e quelli a marchio DOP/IGP.
 Anche la marca gioca un ruolo rilevante, con una preferenza verso i brand industriali e dei supermercati giudicati di qualità ma più economici rispetto a brand più blasonati.

Malgrado l’ottimismo dei numeri, infatti, siamo di fronte a un mercato che accusa il costo alto dei prodotti e che, seppur sempre più in espansione, negli ultimi anni sembra crescere a ritmi più lenti rispetto al passato.

I motivi sono due.

  • Lo scenario di difficile contesto economico in cui siamo inseriti da quando è esploso il conflitto russo-ucraino;
  • In fisiologico rallentamento che viene dopo anni di incrementi a tripla cifra (+132% circa nell’ultima decade).

LA COMUNICAZIONE COME LEVA DEL MERCATO

Come spesso capita, soprattutto con mercati non di prima fascia, anche il mondo bio tende a sottovalutare l’importanza della comunicazione.

Il mercato in Italia è infatti capace di offrire prodotti di qualità ma dal punto di vista informativo vengono pubblicizzati e spiegati poco al consumatore finale. Dati alla mano circa il 58% dei consumatori vorrebbe disporre di informazioni più dettagliate e approfondite su quelle che sono le caratteristiche del prodotto, sul metodo di produzione e sui valori nutrizionali degli alimenti biologici.

E sempre 6 consumatori su 10, nonostante conoscano i vantaggi dei prodotti biologici, gradirebbero una maggiore trasparenza riguardo il beneficio non solo economico ma ambientale e sociale che il mercato biologico offre.

Detto questo, non è solo la comunicazione l’aspetto su cui agire per migliorare. Per il futuro saranno due le sfide da affrontare:

  • la prima riguarda il “fuori casa”, che potrebbe rivelarsi fondamentale per l’accreditamento di questi prodotti. In questo senso i dati sono molto incoraggianti: il 75% dei ristoranti e il 61% dei bar propone piatti a base di alimenti o ingredienti bio, percentuali che salgono rispettivamente all’85% e al 71% nel caso del vino.
  • La seconda sfida, invece, è rappresentata dall’offerta, dove non mancano margini di miglioramento: stando all’Osservatorio SANA infatti meno della metà degli italiani è soddisfatto della qualità dei prodotti bio freschi che acquista soprattutto se appartenenti alla fascia gourmet o premium.
contributor

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *