Realize
  • 26 Novembre 2022
  • Ultimo aggiornamento 23 Novembre 2022 11:51
  • Milano

Consumatori e sostenibilità: l’importanza di packaging ed etichette

Il 55% degli italiani chiede chiarezza sulle confezioni. Per il 42% è importante che siano realizzate con fonti rinnovabili. Il 70% vuole trovare informazioni sul ciclo di vita del prodotto. Emerge dai dati dell’Osservatorio Out of the box di Nomisma-Glaxi. Le imprese sono avvisate

Consumatori e sostenibilità: l’importanza di packaging ed etichette

Ci sono due aspetti che emergono nelle scelte del consumatore, cambiato dall’esperienza della pandemia: l’attenzione alle spese da un punto di vista esclusivamente economico (maggiore oculatezza) e l’attenzione a cosa si compra (qualità e specifiche del prodotto).

Secondo l’ultimo Osservatorio Out of the Box preparato da Nomisma in collaborazione con la società di analisi Glaxi, il 61% degli italiani sostiene che risparmierà e che valuterà con attenzione gli acquisti da effettuare. Ma il 55% sostiene anche che, nel selezionare un alimento confezionato, opterà per quello che presenta in modo chiaro e immediato le caratteristiche del prodotto, mentre il 53% quello con il packaging più sostenibile.Un’altra importante percentuale di italiani (il 40%), invece, tenderà a orientarsi verso prodotti confezionati che tutelano maggiormente l’igiene.

Ecco quindi che la sostenibilità della confezione è uno dei fattori a cui si inizia a fare più attenzione. In parte ne avevamo già parlato in occasione della presentazione dell’Osservatorio Nomisma su Packaging e Largo Consumo e avevamo già messo in evidenza come l’attenzione al modo in cui un bene di acquisto viene confezionato fosse diventata molto elevata

SOSTENIBILITÀ TOTALE

In questa fase di crescita del fenomeno, è importante però capire bene cosa significa per i consumatori “packaging sostenibile”. Secondo l’ultima indagine Nomisma-Out of the Box per un italiano su due vuol dire che l’imballaggio è stato realizzato usando forme e materiali facili da smaltire (56%) e da riciclare (50%). Il 42%, inoltre, ritiene importante che il packaging sia stato creato usando fonti rinnovabili e con basse emissioni di CO2, mentre un altro 42% pone l’accento sul fatto che la sua produzione sia “sostenibile” ovvero che, al di là dei requisiti di tutela ambientale, rispetti dei principi e dei valori etici di riferimento come per esempio essere avvenuta senza sfruttare la manodopera dei paesi poveri.

A COSA SERVE IL PACKAGING

Anche perché il 43% degli italiani riconosce nel design della confezione un elemento capace di influenzare gli acquisti. Quello che emerge è che, fronzoli a parte, il packaging deve servire a 5 esigenze di base:

  • comunicare le caratteristiche di base del prodotto (88%);
  • comunicare valori e sostenibilità (84%);
  • evidenziare la trasparenza e l’onestà del brand (83%);
  • trasmettere un senso di positività, freschezza ed energia (82%);
  • esprimere l’autenticità della marca (78%).

Insomma, il consumatore oggi è più esperto e attento: in sette su dieci vogliono trovare sul packaging dati riferiti al ciclo di vita del prodotto ed elementi legati alla sicurezza sanitaria e alla conservazione, mentre un altro 69% si concentra sull’origine delle materie prime e le fasi della produzione. Per il 66% è fondamentale trovare certificazioni e indicazioni che mostrino i requisiti di qualità

CRESCE LA SENSIBILITÀ ALLA SPESA

Di fronte a questa sensibilità crescente degli italiani verso confezioni che rispettino il più possibile l’ambiente e modalità sane di produzione e che offrano sempre più informazioni di prodotto, finora ci si è scontrati con una certa riluttanza a spendere qualcosa in più per poter avere packaging di prodotti di questo tipo. Nell’ultima indagine Nomisma di febbraio, infatti, il 53% degli italiani dichiarava di non essere disposto a farlo. Un risultato inferiore rispetto al maggio del 2020 (67%) ma comunque ancora importante.

Dai risultati dell’indagine Nomisma-Glaxi invece, sono emersi sentimenti contrastanti. Per quanto riguarda gli alimenti, 3 italiani su 10 non pagherebbero di più. Il 37%, tuttavia, spenderebbe tra il 5 e il 15% in più, percentuale che sale al 40% se si prendono in considerazione i capi di abbigliamento, anziché i prodotti alimentari. Questo significa che sta crescendo la quota di chi riconosce il valore della sostenibilità e lo sforzo che le imprese fanno per creare un’offerta che abbia tali requisiti.

administrator
Giornalista, digital addicted, lavora sui contenuti per dare qualità ai prodotti editoriali che segue. Perché oggi più che mai la qualità di ciò che si racconta fa la differenza

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.