Realize
  • 26 Novembre 2022
  • Ultimo aggiornamento 23 Novembre 2022 11:51
  • Milano

Più finanziamenti e rischio di credito basso: il credito al consumo rialza la testa

I dati del 50° Osservatorio Assofin, CRIF e Prometeia presentano un mercato che nei primi 4 mesi del 2021 è cresciuto del 29,4%. Contenuto il rischio di credito: un dato che con il venir meno delle misure di sostegno per il Covid-19, è destinato a peggiorare

Più finanziamenti e rischio di credito basso: il credito al consumo rialza la testa

Siamo arrivati al giro di boa. Dopo un 2020 in cui i flussi del credito al consumo si erano arenati registrando un calo del 21,6% rispetto al 2019, nei primi quattro mesi del 2021 la crescita è stata del +29,4%, grazie soprattutto al rimbalzo di marzo e aprile. Un buon passo in avanti ma ancora non sufficiente a raggiungere i livelli di erogato del pre-Covid: manca ancora il 12% di mercato da riconquistare (fatta eccezione per l’elettronica di consumo che ha recuperato quasi tutto il terreno perduto).

Lo mette in evidenza il 50°Osservatoriio sul Credito al dettaglio realizzato da Assofin, CRIF e Prometeia, che sottolinea come il comparto dei mutui immobiliari continui a crescere senza sosta: +34,6% nei primi quattro mesi del 2021 dopo il + 12,7% registrato nel 2020.

ANCORA CRESCITA NEL 2022-2023

Insomma, nel periodo della pandemia il progetto casa, sostenuto dal credito, si è rafforzato. Ma non solo. L’Osservatorio evidenzia come per il biennio 2022-2023 sia prevista una ulteriore crescita del 3% medio annuo grazie alla ripresa dell’attività economica ipotizzata per i prossimi trimestri e agli effetti del pacchetto di stimoli all’economia del Pnrr (Recovery Plan) che si rifletteranno anche sulle condizioni finanziarie e sul clima di fiducia delle famiglie, favorendo il ricorso al credito.

MENO RISCHI GRAZIE ALLE MORATORIE

Un altro aspetto interessante è il calo della rischiosità. Nonostante l’intensa contrazione del reddito disponibile delle famiglie, gli interventi governativi durante i mesi della pandemia sono riusciti a contenere i danni peggiori. Nello specifico, il tasso di default a 90 giorni del credito al dettaglio considerato nel suo complesso (quindi mutui immobiliari e credito al consumo) registra una riduzione e si colloca all’1,2% a marzo 2021, toccando il punto di minimo degli ultimi anni.

Questa tendenza è però destinata a cambiare: con la sospensione delle misure di sostegno, il tasso di default è previsto infatti in aumento a fine 2021, sebbene a ritmi differenti tra i comparti dei mutui e del credito al consumo, per effetto della diversa possibilità di attivare ancora la moratoria nel corso dell’anno. Il picco della rischiosità è atteso nel 2022.

COSA CRESCE

emobility
Credit: GettyImages

A riprendersi sono stati soprattutto i finanziamenti finalizzati all’acquisto di auto e moto (+71,2% rispetto ai primi 4 mesi 2020). Un recupero ancora parziale rispetto al 2019, che ha sicuramente beneficiato della spinta fornita dagli ecoincentivi volti sia a sostenere il mercato dell’automotive, sia a migliorare la sostenibilità del parco auto circolante nel Paese.

I finanziamenti finalizzati all’acquisto di altri beni e servizi (arredo, elettronica ed elettrodomestici, energie rinnovabili, ciclomotori…) nel corso dei primi quattro mesi del 2021 mostrano nel complesso una crescita del +38,2% e anche il confronto con lo stesso periodo del 2019 evidenzia come il comparto riesca quasi a replicare i volumi pre-pandemia (-1,1%).

In recupero anche i finanziamenti contro cessione del quinto dello stipendio o della pensione che raggiungono quasi i volumi pre-crisi (-0,7% il confronto con i primi 4 mesi 2019, +21% quello con il corrispondente periodo 2020). A determinare questo trend ha contribuito soprattutto la crescita a doppia cifra delle erogazioni a favore dei dipendenti pubblici.

COSA SOFFRE DI PIÙ

I prestiti personali sono il prodotto che più ha risentito e continua a risentire degli effetti della crisi in atto: nonostante il rimbalzo di marzo e aprile che porta in positivo l’evoluzione delle erogazioni nei primi 4 mesi 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020 (+12,8%), il confronto con i volumi pre-Covid rimane decisamente negativo (-23,3%) anche perché è aumentata la selezione nei criteri adottati per l’erogazione di questi prodotti, più rischiosi dei prestiti finalizzati.

Continua invece il calo dell’uso delle carte opzione e rateali che nei primi 4 mesi del 2021 hanno registrato una contrazione sia nel confronto con lo stesso periodo del 2020 (-7.6%), sia con il 2019 (-19.8%).

administrator
Giornalista, digital addicted, lavora sui contenuti per dare qualità ai prodotti editoriali che segue. Perché oggi più che mai la qualità di ciò che si racconta fa la differenza

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.