Realize
  • 26 Ottobre 2020
  • Ultimo aggiornamento 24 Agosto 2020 09:03
  • Milano

Le previsioni Istat sui consumi al tempo del Covid19

I dati parlano di un crollo fino al 9,9% in caso di lockdown fino a giugno

Le previsioni Istat sui consumi al tempo del Covid19

Tutto dipenderà da quando finirà il cosiddetto “lockdown”, ovvero il periodo di chiusura delle attività produttive non essenziali e di isolamento forzato. È in base a questo che l’Istat, nella sua ultima nota sull’andamento dell’economia italiana relativa al mese di marzo, oltre a fare il punto sulla situazione attuale, presenta le previsioni sul futuro calo dei consumi, che sarà comunque in entrambi i casi “rilevante e diffuso”.

E arriva a una conclusione: la percentuale del calo oscillerà tra il 4,1 e il 9,9%.

IL CALO DELLA FIDUCIA

Il mercato è già in difficoltà. A marzo risultano infatti sospese le attività di 2,2 milioni di imprese (il 49% del totale, il 65% nel caso di quelle esportatrici), che provvedono all’occupazione di 7,4 milioni di persone (44,3%) di cui 4,9 milioni di dipendenti (il 42,1%) con un calo generalizzato della fiducia sia da parte del consumatori che delle imprese.

Una fiducia che non potrà che peggiorare fino a quando non verrà messa la parola “fine” al lockdown e non si capirà se e in che modo i consumi riprenderanno la loro scalata.

LOCKDOWN FINO AD APRILE

Qualora il lockdown dovesse terminare in aprile, secondo l’Istat la riduzione dei consumi potrà essere pari al 4,1%. A soffrire di più nel periodo saranno le spese per i servizi (-0,9%) con un focus su quelli turistici per un totale del -1,1%.

“In termini occupazionali, la caduta del valore aggiunto coinvolgerebbe 385 mila occupati (di cui 46 mila non regolari) per un ammontare di circa 9 miliardi di euro di retribuzioni” si legge nella nota dell’Inps.

A subire le contrazioni più forti daranno i comparti dell’alloggio e ristorazione (-11,3%) e del commercio, trasporti e logistica (-2,7%).

LOCKDOWN FINO A GIUGNO

Nel caso invece di un lockdown per altri due mesi e dunque fino alla fine di giugno, la riduzione dei consumi sfiorerebbe il 10% (-9,9%) con poco meno di 900 mila  occupati coinvolti, di cui 103 mila non regolari “per un totale di 20,8 miliardi di retribuzioni” spiega l’Istat.

Questo secondo scenario avrebbe effetti più pervasivi tra i settori economici, coinvolgendo anche la produzione di beni di consumo, dei servizi alla persona (entrambi -3,6%) e dei servizi professionali (-3,4%).

In particolar modo, sarebbero fortemente colpiti i settori della cultura (-16,4%) e dell’intrattenimento (-12,7%), oltre al commercio al dettaglio (-6,7%).

Ilaria Molinari
administrator
Giornalista, digital addicted, lavora sui contenuti per dare qualità ai prodotti editoriali che segue. Perché oggi più che mai la qualità di ciò che si racconta fa la differenza

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *