realize agos logo 2020 color
  • 23 Febbraio 2024
  • Ultimo aggiornamento 22 Febbraio 2024 09:57
  • Milano

Stop alle auto diesel e benzina entro il 2035: i consumatori italiani sono (quasi) pronti

Approvata la norma che impone lo stop alla vendita di auto a benzina, diesel o Gpl a partire dal 2035. E l’ultimo studio di EY mostra come a livello globale il 51% dei consumatori sia già intenzionato ad acquistare un veicolo elettrico. In Italia il dato sale al 73%.

Stop alle auto diesel e benzina entro il 2035: i consumatori italiani sono (quasi) pronti

Approvato in via definitiva. Il Parlamento europeo ha messo un sigillo sul taglio delle emissioni di CO2 per auto e veicoli commerciali leggeri, nell’ambito delle misure del piano Fitfor55. Nel 2035 il taglio delle emissioni sarà pari al 100% rispetto al 2021, ovvero non si venderanno più veicoli alimentati a benzina o a diesel.

L’industria è già sul piede di guerra. I tempi sono troppo stretti per una riconversione produttiva (ammesso che si possa fare) e alcune case automobilistiche, come Ford, annunciano già licenziamenti a tre zeri. E i consumatori? Forse sono i più pronti di tutti.

FIT FOR 55: DI COSA SI PARLA

Ma andiamo con ordine. Di cosa stiamo parlando quando parliamo di “Fit-For-55”? Il nome fa riferimento a un piano di riforme che si sta cercando di varare a Bruxelles su proposta della Commissione Europea e che ha come obiettivo quello di tagliare del 55% le emissioni di anidride carbonica  da diverse fonti inquinanti entro il 2050. Il processo si mostra complesso e le battaglie tra le diverse correnti presenti al Parlamento Europeo non mancano, ma su una riforma sono riusciti a trovare l’accordo: lo stop alla vendita di auto non elettriche a partire da 2035, provvedimento a cui è stato affiancato un emendamento (detto “salva Motor Valley”) che ha prolungato di un anno, fino al 2036, lo stop per i produttori di auto e furgoni “di nicchia” tra cui anche top brand come Ferrari e Lamborghini, Maserati e altri ancora.

I CONSUMATORI SONO PRONTI

Di fatto però i consumatori sembrano abbastanza pronti. L’ultimo EY Mobility Consumer Index del 2022 (che la società di consulenza Ernst&Young riserva ogni anno al mondo automotive cercando di capire, a livello globale, lo stato di salute del mercato e partendo dal punto di vista dei consumatori di 18 paesi diversi) mostra come i consumatori siano pronti ad accogliere questa trasformazione del mercato.

Il 51% degli intervistati (un totale di 13 mila persone nel mondo) ha intenzione di acquistare nel prossimo futuro un veicolo o completamente elettrico o ibrido semplice o plug-in. È il 22% in più di due anni fa.

L’Italia in questo scenario si colloca al primo posto in Europa (73%), prima di Spagna (62%), Norvegia (61%), Svezia (52%) e Regno Unito dove il dato scende già al 49%. Sono Cina e Corea del Sud a tenere testa a tutti con il 69% e il 63% di preferenze mentre gli Stati Uniti restano i peggiori: solo il 29% dei consumatori ha dichiarato di voler acquistare un veicolo sostenibile.

Ma c’è di più: l’88% degli intervistati sarebbe disposto a pagare il sovrapprezzo necessario e il 35% a pagare un sovrapprezzo almeno del 20%.

BOOMER E GENX IN PRIMA FILA

Lo studio di EY va poi più in profondità e per quanto riguarda l’Italia evidenzia come il dato del 73% degli interessati all’acquisto di un veicolo elettrico sia in aumento rispetto al 2021, quando aveva raggiunto il 63%.

Di questa percentuale il 47% è rappresentata da boomer (over 60), mentre il 26% dalla Generazione X (tra i 40 e i 55 anni). I giovanissimi sono dunque meno interessati al tema o comunque ancora poco attenti.

Nello specifico, il 23% dei potenziali acquirenti di automobili prevede di acquistarne una completamente elettrica nel 2022, un dato nettamente in aumento rispetto all’anno precedente quando era fermo al 9%, e finalmente in linea con la media mondiale registrata quest’anno, pari al 20%. Il 22% la acquisterebbe ibrida plug-in e il 28% ibrida pura.

La sfida ora passa all’industria che dovrà convertirsi a una produzione full electric. C’è chi lo ha già fatto (Suzuki per esempio) ma il processo non sarà semplice né poco costoso e dodici anni di tempo potrebbero essere pochi.

administrator
Giornalista, digital addicted, lavora sui contenuti per dare qualità ai prodotti editoriali che segue. Perché oggi più che mai la qualità di ciò che si racconta fa la differenza

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *