realize agos logo 2020 color
  • 13 Giugno 2024
  • Ultimo aggiornamento 12 Giugno 2024 13:23
  • Milano

Domanda di prestiti: cosa sta cambiando

A giugno il 2% in meno di richieste. Resta positivo il bilancio del semestre: + 5,3%. Forte crescita dei prestiti personali (+21,7%).

Domanda di prestiti: cosa sta cambiando

Il mondo dei finanziamenti alle famiglie italiane è in salute. Ma nel mese di giugno si è preso una piccola pausa.

Dall’aggiornamento al I semestre del Barometro CRIF sul credito alle famiglie italiane (Fonte EURISC – il Sistema di Informazioni Creditizie gestito da CRIF) emerge una dinamica positiva che segna un +5,3%. Tuttavia, guardando al singolo mese di giugno si nota che dopo sei mesi di corsa al credito si registra il primo stop con una contrazione dell’1,9%.

La paura di recessione e i tassi di interesse cresciuti in seguito alla politica monetaria restrittiva e all’inflazione galoppante hanno sicuramente influito nel generare un atteggiamento più attendista da parte delle famiglie. Solo quelle veramente in difficoltà si sono spinte verso una domanda di credito.

QUANTO, COME E CHI CHIEDE CREDITO

L’importo medio richiesto si è mantenuto stabile in questi mesi a 8.553 Euro (in linea con lo stesso periodo del 2022).
Nel solo mese di giugno però è leggermente cresciuto: +3,7%, per un valore di 8.656 euro.

Dunque meno finanziamenti richiesti ma di importo leggermente superiore.

Nel dettaglio, a essere diminuita è la domanda di finanziamenti finalizzati: – 4,9% rispetto al corrispondente periodo del 2022. Aumenta invece in modo radicale la richiesta di prestiti personali:  +21,7%.

Le famiglie hanno dunque bisogno di liquidità per le spese ricorrenti.

Per quanto riguarda l’importo medio per entrambe le forme tecniche si registra una contrazione: per i prestiti finalizzati abbiamo un -3,1% (5.926 euro), mentre i prestiti personali hanno visto una contrazione del 5,6% che ha portato il valore medio ad assestarsi a 11.878 euro.
L’analisi della distribuzione delle richieste per fascia di importo del finanziamento conferma che nel I semestre 2023 le preferenze degli italiani si sono concentrate nella classe inferiore ai 5.000 euro, che arriva a spiegare il 53,3% del totale.

Dall’analisi della distribuzione per durata dei finanziamenti si evince che, anche in questa prima metà dell’anno, quasi un finanziamento su due preferisce piani di rimborso superiori ai 5 anni, con una quota pari al 27,9% del totale.

Osservando, infine, la distribuzione delle istruttorie di credito in relazione all’età del richiedente, il Barometro CRIF evidenzia come nei primi 6 mesi dell’anno sia stata la fascia compresa tra i 45 e i 54 anni a risultare maggioritaria, con una quota pari al 24,2% del totale, seguita da quella tra i 35 e i 44 anni, con il 21,2%.

administrator
Giornalista, digital addicted, lavora sui contenuti per dare qualità ai prodotti editoriali che segue. Perché oggi più che mai la qualità di ciò che si racconta fa la differenza

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *