Realize
  • 28 Novembre 2022
  • Ultimo aggiornamento 23 Novembre 2022 11:51
  • Milano

Consumi: perché per tornare ai livelli pre-Covid bisogna aspettare il 2023

Il Rapporto Coop 2021 evidenzia un rinnovato ottimismo verso il futuro, soprattutto in Italia dove la ripresa è registrata da un pil in crescita quasi del 6%. Ma i consumatori hanno ancora paura e l’effetto long-Covid non si è ancora esaurito

Consumi: perché per tornare ai livelli pre-Covid bisogna aspettare il 2023

L’ottimismo tra le famiglie sta tornando, ma in tema di consumi l’Italia raggiungerà i livelli pre-Covid solo nel 2023. Sebbene ci sia tutta una serie di fattori positivi che fanno ben sperare in una ripresa di lungo periodo, i danni causati dalla pandemia sia a livello economico sia a livello psicologico, impongono molta cautela.
Lo afferma l’analisi svolta nel “Rapporto Coop 2021 – Economia, Consumi e stili di vita degli italiani di oggi e di domani” di cui solo pochi giorni fa è stata presentata l’anteprima digitale (a redigerlo, l’Ufficio Studi di Ancc-Coop con la collaborazione scientifica di Nomisma, il supporto di analisi di Nielsen e i contributi originali di Gfk, Gs1-Osservatorio Immagino, Iri Information Resources, Mediobanca Ufficio Studi, Npd, Crif, Tetra Pak Italia).

L'OTTIMISMO VERSO L'ITALIA

A emergere è un sostanziale ottimismo a livello globale grazie ai primi concreti segnali di ripresa del Pil. A fare da locomotiva è la Cina mentre in Europa l’Italia si sta ritagliando un ruolo importante con la sua crescita annuale vicina al 6% (al di sopra delle aspettative), un export che è tornato ai livelli pre-Covid e la riconversione digitale della propria manifattura.

Il nostro paese gode, soprattutto, di un nuovo e inatteso momento di favore internazionale grazie ai recenti, molteplici successi sportivi e musicali, ma anche alla buona gestione della pandemia e soprattutto all’effetto autorevolezza generato dalla premiership di Mario Draghi: il 60% della business community internazionale si dichiara convinto di una maggiore attrattività del Paese nei prossimi tre anni e il 48% lo ritiene una possibile destinazione dei propri investimenti futuri.

L'ATTENZIONE ALL'AMBIENTE

Un tema, quello della crescita, che cammina di pari passo alla necessità di una grande rivoluzione verde a livello globale (44 sono i paesi che si sono impegnati con leggi, protocolli, documenti nel 2021 rispetto ai 22 di appena 2 anni fa). E ormai sono in molti (la maggioranza) ad esserne consapevoli. Il 79% degli italiani si dichiara infatti, preoccupato del riscaldamento globale e il 75% degli executive affida lo sviluppo futuro all’innovazione tecnologica e digitale e sono gli scienziati e i medici a tornare in cima ai modelli di riferimento degli italiani (rispettivamente con il 49% e il 32% del campione).

IL RITORNO DELLA FIDUCIA

Tutto questo si ripercuote sull’indice di fiducia degli italiani: quasi 7 su 10 guardano al futuro con ottimismo. Torna la fiducia nel prossimo (lo afferma il 41% rispetto al 19% di quattro anni fa), a partire dalla famiglia e dagli affetti più stretti. Ma il nuovo “think positive” degli italiani dipende dalla rinnovata consapevolezza “delle cose importanti della vita” (45% degli intervistati) piuttosto che da un concreto cambiamento delle proprie condizioni di vita.

L’EDIZIONE 2021

Ed è proprio qui che, a chiusura del cerchio, si trovano le motivazioni dell’usare cautela nel pensare che tutto sia risolto. Non è così. Restano, infatti, profonde le ferite fisiche e mentali della pandemia, l’ansia, l’insonnia, la depressione e i disturbi alimentari generati dall’inquietudine da long Covid (si stima in 10 miliardi il costo totale solo per il trattamento delle sindromi depressive generate dalla pandemia).

Inoltre, si moltiplicano le povertà: sono 27 milioni gli italiani che ancora nel 2021 hanno vissuto rinunce e disagi quotidiani, 18 milioni coloro che ne prevedono il perdurare nel tempo e 5 milioni coloro che temono il protrarsi di sacrifici, anche in ambito alimentare. Per questo motivo la ripresa dei consumi dovrà attendere un po’ più a lungo e, secondo la maggioranza degli esperti, l’Italia raggiungerà i livelli pre Covid solo nel 2023.

administrator
Giornalista, digital addicted, lavora sui contenuti per dare qualità ai prodotti editoriali che segue. Perché oggi più che mai la qualità di ciò che si racconta fa la differenza

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.