Realize
  • 4 Giugno 2020
  • Ultimo aggiornamento 4 Giugno 2020 08:37
  • Milano

Auto elettriche: 5 fake news su cui riflettere

Costi, performance, inquinamento. Cosa c'è di vero e cosa no sulle vetture elettriche, in un mercato che le apprezza sempre di più, nonostante i costi iniziali

Auto elettriche: 5 fake news su cui riflettere

L’ultimo rapporto di Repower su “La mobilità sostenibile e i veicoli elettrici” pubblicato il 20 febbraio scorso, proprio a ridosso dell’esplosione della pandemia da Coronavirus, presenta dei dati indicativi sul trend in atto nella mobilità elettrica pre Covid-19.

Dati che dimostrano come gli italiani stiano iniziando a sviluppare una sensibilità maggiore verso il tema della mobilità green.

A dirlo sono i numeri: a gennaio del 2020 (rispetto a un anno prima) il calo delle immatricolazioni di vetture diesel era stato del 23% e quello delle auto a benzina del 3%. Al contrario, cresceva dell’82% il numero di immatricolazioni di auto ibride che nel complesso giungevano a rappresentare il 10% del mercato (a gennaio 2019 era il 5,2%).

CRESCE L'ELETTRICO PURO

Certo stiamo parlando di numeri ancora piccoli. Ma all’interno di questo 10%, è il comparto delle elettriche a mostrare i dati più significativi: +586,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con 1.943 unità immatricolate (nel 2019 erano appena 283) e una quota di mercato dell’1,2%.

Una percentuale ridotta, ma la crescita c’è. Una crescita che deve molto agli incentivi statali promossi per l’acquisto di queste vetture e anche a una campagna di comunicazione sulla sostenibilità ambientale che ha indubbiamente scosso coscienze e sensibilità.

Eppure, secondo Repower, sul tema delle vetture elettriche il consumatore cade spesso vittima di numerose “fake news” che è bene smentire se si vuole favorire un approccio consapevole (e corretto) al tema. Ecco, dunque, quali sono le cinque principali e quali sono i numeri che le contraddicono.

LE AUTO ELETTRICHE COSTANO TROPPO

Falso. O meglio, è vero che il costo iniziale dell’auto è superiore a quello di un modello diesel o benzina, ma è necessario tenere conto di quanto poi si risparmia nel tempo durante tutta la vita utile del veicolo.

Confrontando due autovetture del segmento B (una elettrica e una a benzina) su un chilometraggio annuo di 11.000 km per un orizzonte temporale di 10 anni, lo Smart Mobility Report del 2019 dimostrava come tra i minori costi di alimentazione, manutenzione e gestione (il bollo, per un’auto con batteria elettrica, è gratuito per i primi 5 anni, in Piemonte si è esonerati per sempre) il risparmio può arrivare a 12 mila euro. A cui poi vanno aggiunti gli incentivi all’acquisto come l’ecobonus fino a 6 mila euro introdotto dal Governo nel 2019.

LE AUTO ELETTRICHE INQUINANO PIÙ DI QUELLE DIESEL

Falso. Il Dossier RSE di Ricerca Sistema Energetico, società controllata da GSE – Gestore dei Servizi Energetici, spiega come in Italia si stima che i veicoli elettrici – a parità di modello e di potenza – abbiano emissioni di CO2 equivalente (misura che esprime l’impatto di gas serra rispetto a una stessa quantità di anidride carbonica) sempre inferiori a quelli degli omologhi veicoli a combustione interna.

Per esempio, per una percorrenza urbana il risparmio di CO2 equivalente per un’auto elettrica, lungo il ciclo di vita, varia tra il 40% e il 55% rispetto alle versioni benzina e tra il 22% e il 40% rispetto a quelle diesel.

LE AUTO ELETTRICHE INQUINANO PIÙ DI QUELLE DIESEL NEL CORSO DELL’INTERO CICLO DI VITA

Falso. Uno studio del Massachusetts Institute of Technology ha messo a confronto l’intero ciclo di vita di alcune auto in vendita negli Stati Uniti. I risultati confermano che, a parità di potenza e anche in virtù di una maggiore efficienza, le emissioni di CO2 equivalente delle auto elettriche lungo l’intero ciclo di vita del mezzo sono senza dubbio inferiori rispetto a quelle delle auto diesel e benzina.

LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA PER CARICARE LE BATTERIE CAUSA EMISSIONI CLIMA- ALTERANTI SUPERIORI A QUELLE CAUSATE DALLA COMBUSTIONE DI DIESEL O BENZINA

Falso. Per caricare le batterie serve energia elettrica. Maggiore è la diffusione di sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili, più sostenibile diventa il ciclo di vita complessivo della batteria. Se poi si pensa che in Italia circa il 37% di energia è prodotto da rinnovabili ed è forte la penetrazione del gas naturale (70% della restante quota), va da sé che anche la produzione di energia elettrica per la ricarica è più virtuosa e genera meno emissioni di CO2 equivalente rispetto a quelle provocate dalla combustione del motore termico.

NEL NOSTRO PAESE NON CI SONO ABBASTANZA COLONNINE PER AFFRONTARE UN VIAGGIO SENZA PAURA DI ESAURIRE L’AUTONOMIA

Falso. In Italia sono a oggi installati circa 8.200 punti di ricarica. Va solo programmato in modo diverso il viaggio considerando anche che i dispositivi di ricarica hanno raggiunto un livello di innovazione tale da poter ricaricare in 20-40 minuti da 55 a 150 kWh garantendo così anche fino a 400 km di autonomia.

Ilaria Molinari
administrator
Giornalista, digital addicted, lavora sui contenuti per dare qualità ai prodotti editoriali che segue. Perché oggi più che mai la qualità di ciò che si racconta fa la differenza

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *