Realize
  • 25 Agosto 2019
  • Ultimo aggiornamento 21 Agosto 2019 09:43
  • Milano

Auto usate: il trend tra luci e ombre

Il magazzino delle concessionarie è aumentato del 3% nei primi tre mesi del 2019. Sarebbe un buon segno se non fossero cresciuti tempi di vendita e prezzi

Auto usate: il trend tra luci e ombre

Il magazzino di auto usate presso le concessionarie italiane è aumentato del 3% nel primo trimestre dell’anno. Lo riporta l’Osservatorio Agos sul mercato dell’usato.

Questa in sè sarebbe pure una buona notizia, visto che il grande problema delle concessionarie italiane è la strutturale incapacità a intercettare il prodotto usato. Cosa non sorprendente, visto che operando in regime di concessione devono concentrare le risorse sulla vendita del nuovo, ritirando l’usato solo quando ciò sia funzionale a chiudere una vendita.

Negli ultimi anni le stesse Case mandanti hanno lavorato per far crescere questo business nelle loro reti, che avevano disperato bisogno di profitti per colmare le asfittiche immatricolazioni. Ma la cultura è dura a morire.

AUMENTANO I GIORNI DI GIACENZA

Sarebbe una buona notizia, dicevamo, se non fosse associata ad altri indici meno buoni. A cominciare dai giorni di giacenza, saliti a 75, ben il 9% più della media del 2018. In altre parole, i clienti trovano sì più auto esposte, ma decidono l’acquisto più lentamente.

Per l’esattezza, le vendite proiettano una rotazione del magazzino di 4,9 volte nell’anno, ben al di sotto delle 5,3 dello scorso anno.

Nello stesso periodo, si registra un lieve incremento del prezzo medio, appena sopra un punto percentuale, che in valore assoluto è stato intorno a 100 euro, da 8.218 a 8.335 euro.

Va detto che si tratta di una media tra valori anche molto diversi tra le varie regioni del Paese, che riflettono una domanda fatta non necessariamente dello stesso mix di prodotti, per marca, modello, chilometraggio e anzianità.

È difficile stabilire se questo incremento abbia potuto incidere sui volumi, probabilmente no, mentre è sicuro che non sia riuscito a compensare la perdita di ricavi dovuta alla flessione dei volumi stessi.

PIU' RICAVI

Il quadro che emerge dal primo trimestre proietta su base annua una diminuzione del giro d’affari della concessionaria media superiore al 3%, a cui corrisponde un costo del magazzino che tende ad avvicinarsi al 5% in più dello scorso anno. Se si procedesse su questi parametri, la leva finanziaria per il business delle auto usate sfonderebbe il tetto del 20%, come non accadeva dagli anni della crisi (ricordiamo che nel 2014 si era attestata al 22,7%).

Durante la ripresa questa attività ha visto un incremento dei ricavi intorno al 50%, accompagnati però da una gestione dello stock particolarmente attenta, al punto che le macchine restavano in giacenza 68 giorni, contro gli 83 di due anni prima, consentendo di girare le scorte ben 5,4 volte nell’anno – una in più rispetto al 2014.

COSA È CAMBIATO NELLA GESTIONE DELL'USATO

Anche lo scorso anno, a fronte di un raffreddamento delle vendite, i concessionari erano stati efficaci nel tenere sotto controllo lo stock e il suo peso sul bilancio, con un rapporto stock/ricavi a meno di 19 punti percentuali.

Perché allora nel primo trimestre hanno allentato questa sana gestione? Una possibile spiegazione è che potevano farlo, ossia avevano uno spazio finanziario di manovra. Tale capacità sarebbe legata alla minore pressione esercitata da alcuni costruttori di volume sui km0, che dunque avrebbe liberato per molti operatori quel credito bancario che poi hanno destinato ad aumentare lo stock di usato.

Pier Luigi Del Viscovo
Sono professore di Marketing e Sistemi di Distribuzione e Vendita. Ho insegnato presso la LUISS di Roma e Alma Mater di Bologna, nonché in altri prestigiosi atenei. Ho fondato e dirigo il Centro Studi Fleet&Mobility e l’Istituto Sperimentale di Marketing. Ho creato e animo la community La Società del Marketing e i format La Capitale Automobile e Auto-conversazioni, tutti luoghi dedicati al confronto e al dibattito speculativo. Sono stato il co-fondatore, insieme all’amico e maestro Tommaso Tommasi, di InterAuto Fleet&Mobility e il direttore scientifico di Car Fleet. Pubblico regolarmente articoli su IlSole24Ore, Il Giornale, InterAuto News e altre testate. Sono stato consulente del CESE (Comitato Economico e Sociale Europeo dell’UE) per la Direttiva sul Mercato Unico Retail della Commissione Europea. In una precedente carriera (o vita?) sono stato manager di Hertz Leasing (Ford Credit), Colgate-Palmolive, Cirio-Bertolli-De Rica ed Ellesse, con esperienze in Italia e all’estero, oltre che consulente per lo Studio Ambrosetti, a capo della practice sales&marketing. Ho conseguito un master in marketing e commercio internazionale (Istituto per il Commercio Estero), conseguito dopo la laurea in giurisprudenza alla Federico II di Napoli e la maturità classica presso i Salesiani. Vivo a Roma, con mia moglie e i nostri due figli.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *