Realize
  • 26 Novembre 2022
  • Ultimo aggiornamento 23 Novembre 2022 11:51
  • Milano

Libri: la crescita del mercato e dei lettori

Siamo tornati a comprare nelle librerie, diversifichiamo le nostre scelte, leggiamo tanti fumetti, amiamo i libri da catalogo. E nel 2021 il mercato potrebbe crescere anche del 15,6% rispetto al 2020 a 1,7 miliardi di euro

Libri: la crescita del mercato e dei lettori

Ci piace un po’ di tutto: la classica narrativa e la più complessa saggistica ma soprattutto i giochi e il tempo libero (+251%), i fumetti (+202%) e l’attualità politica (+66%). E ci piace andarli a cercare in negozio, spulciando tra gli scaffali, dedicando del tempo (prezioso) alla ricerca della trama o del tema che più solletica la nostra curiosità e il nostro intelletto.

Il popolo dei lettori è tornato a farsi sentire, ha silenziosamente riempito le librerie nei primi nove mesi dell’anno e, meno silenziosamente, ha riempito i corridoi del Salone del Libro di Torino 2021 dando forza agli ultimi dati contenuti nell’analisi periodica dell’Associazione Italiana Editori (Aie), realizzata in collaborazione con NielsenIQ.

I numeri ci dicono infatti che nei primi nove mesi dell’anno le vendite nel settore della “varia” sono state pari a 1.037 milioni di euro, segnando una crescita del 29% sul 2020 e del 16% sul 2019. Come numero di copie, i nove mesi si attestano a 72 milioni, in crescita del 31% sul 2020 e del 18% sul 2019. Il prezzo medio di copertina del venduto è però in calo e pari a 14,35 euro (-1,9% sul 2020 e -1,7% sul 2019).

LA CRESCITA NEL 2021 NELLE LIBRERIE

Proiettando questi numeri alla fine dell’anno, le stime di crescita dell’Aie confermano le due cifre, comprese tra l’11% e il 16%, per un giro d’affari complessivo tra 1,6 e 1,7 miliardi di euro. Nella migliore delle ipotesi, un balzo in avanti del 16% rispetto al 2020 e del 14,3% rispetto al 2019.

E questa volta non è solo l’online a fare da motore. Secondo i dati Aie, le librerie fisiche tornano a essere il primo canale di vendita con 499,9 milioni di fatturato (362,5 milioni nel 2020), contro i 479,1 milioni delle librerie online (383,4 milioni nel 2020), e i 58,1 milioni della grande distribuzione (57,9 milioni nel 2020). A livello di quote di mercato le librerie hanno il 48,2%, con un recupero di tre punti percentuali rispetto al 2020 ma ancora lontane di dieci punti rispetto al 2019. L’online segue a ruota e pesa per il 46,2%, la grande distribuzione per il 5,6%.

COME IL GAMING ATTIRA I CONSUMATORI

Ma cosa cerca il lettore italiano? Tanto per cominciare è tornato in libreria, diversifica la sua scelta, legge tanti fumetti, ama i classici. È stato proprio il presidente di Aie, Riccardo Franco Levi, a spiegare che sono due i fattori che stanno caratterizzando questo 2021: il ritorno delle librerie fisiche che vendono più dell’online e la minore dipendenza dai best seller e dalle novità con un lettore medio che distribuisce la sua attenzione e il suo interesse su titoli diversi, spesso di catalogo. E su questa tendenza è indubbia l’influenza del canale virtuale, oltre che (come ha fatto notare al Salone del Libro l’amministratore delegato di Mondadori Libri Trade) l’App 18 con i suoi 500 euro destinati ai consumi culturali dei diciottenni e il boom del fumetto che ha registrato il 6% del mercato.

Rispetto al 2019, infatti, le vendite sul catalogo crescono di più di quelle riguardanti le novità: + 19% contro +12%. Con una particolarità: la classifica dei primi dieci libri più venduti contiene titoli pubblicati nel 2019 e nel 2020, a sfatare il mito secondo cui un libro “resiste” sul mercato solo pochi mesi.

administrator
Giornalista, digital addicted, lavora sui contenuti per dare qualità ai prodotti editoriali che segue. Perché oggi più che mai la qualità di ciò che si racconta fa la differenza

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.